23 Gen 2022 12.16

Corsa al Quirinale. Vigilia di incontri serrati dopo il passo indietro di Berlusconi.

Corsa al Quirinale. Ancora incontri alla vigilia di voto per l'elezione del capo dello stato. La rinuncia di Berlusconi - che ieri ha declinato la proposta di una sua candidatura - lascia il campo a nuove geometrie.

Un passo indietro che libera due caselle: al vertice del centrodestra ieri sera Berlusconi ha rinunciato alla sua candidatura "per non dividere il paese" ma ha anche chiesto al governo Draghi di andare avanti, bloccando di fatto convergenze nel centrodestra sul nome dell'attuale premier. Cantiere aperto quindi tra Lega, Fdi e Forza Italia su una possibile rosa di nomi. "Di alto profilo" annuncia Salvini che nel pomeriggio incontra i capigruppo della lega in parlamento e poi governatori e i dellegati regionali.

Un lavorio seguito con attenzione dalla stampa tanto Letta stamane smentisce le indiscrezioni "da parte mia nessuna proposta alla Lega" concorderemo nomi e proposte con i nostri alleati - precisa il segretario pd al centro di una fitta agenda aperta stamane da un vertice con Conte e Speranza, insieme ai capigruppo. Agenda da completare nelle prossime ore con nuovi confronti con Renzi e i leader del centrodestra alla ricerca di un nome su cui convergere. Intanto nel pomeriggio, alle 15, si riuniscono i grandi elettori di Leu. Convocati alle 17 quelli del Pd. E alle 21 si confrontano telematicamente quelli del M5s.

Ascolta il sevizio di Daniela Ubaldi

Politica