Primo bilancio della COP28 di Dubai

primo bilancio del Summit sul clima di Dubai

0
69

La Cop28 di Dubai “boccia” l’Italia che retrocede nella classifica delle perfomance climatiche dei principali Paesi del pianeta, dal 29esimo al 44esimo posto, perdendo 15 posizioni. Un risultato dovuto soprattutto al rallentamento della riduzione delle emissioni climalteranti e a causa di una politica climatica nazionale “fortemente inadeguata a fronteggiare l’emergenza”. Questo quanto emerge dal rapporto annuale di Germanwatch, Can e NewClimate Institute, realizzato in collaborazione con Legambiente per l’Italia. Solo tre membri del G20 sono nella parte alta della classifica: India e Germania (14° posto) insieme all’Unione europea (16°). La Cina, maggiore responsabile delle emissioni globali, rimane al 51° posto dello scorso anno, gli Stati Uniti si posizionano invece al 57°posto. I dati confermano l’urgenza di interventi immediati. “Serve una drastica inversione di rotta” ha dichiarato il presidente nazionale di Legambiente, Stefano Ciafani.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here